Giacomo Leopardi e Recanati, un binomio inscindibile

Piazzola Sabato del Villaggio e Casa Leopardi, Recanati
Piazzola Sabato del Villaggio e Casa Leopardi

Il rapporto che lega Giacomo Leopardi a Recanati è strettissimo.

Qui il poeta è nato e trascorse gran parte della sua vita. La sua casa natale è proprio nel centro storico e si affaccia sulla celebre Piazzola del Sabato del Villaggio.

 

Giacomo Leopardi nasce a Recanati nel 1798 dal Conte Monaldo Leopardi e dalla Marchesa Adelaide Antici, membri di due importanti famiglie nobili. Giacomo è il primogenito dei diversi figli nati dal matrimonio. Dopo di lui nascono Carlo e Paolina, inseparabili compagni di gioco e di studi del poeta.

 

Fin da bambino Giacomo amava raccontare storie e giocare con i suoi fratelli, e insieme a loro affrontava le prove di studio a fine anno alla presenza di altri nobili recanatesi invitati a Palazzo dal Conte Monaldo.

Palazzo Leopardi ospita una ricca biblioteca, che oggi raccoglie circa 20.000 volumi, voluta dal Conte Monaldo e già aperta al pubblico nel 1812.

 

 

Torre del Passero Solitario - Chiesa di S. Agostino, Recanati
Torre del Passero Solitario, Chiesa di S. Agostino

La biblioteca sarà il luogo preferito di Giacomo: lì potrà soddisfare la sua inesauribile curiosità e fin da adolescente inizierà a studiare da solo imparando le principali lingue europee e l’ebraico, oltre al greco e al latino che già conosceva. Frequentare quel luogo per il poeta significava combattere la noia a cui era destinato in una città periferica come Recanati.

Città dalla quale peraltro tenterà di scappare a 21 anni.

 

Molti luoghi recanatesi sono stati resi famosi proprio dalle sue poesie e passeggiando per il “borgo selvaggio” di leopardiana memoria, si incontrano il Colle dell’Infinito, la casa di Silvia, la torre del Passero Solitario e la torre del borgo. E facendo due passi in questi luoghi si possono immaginare i “fanciulli che giocano su la piazzola in frotta”, la “donzelletta che vien dalla campagna” e “del legnaiuol, che veglia nella chiusa bottega alla lucerna, e s'affretta, e s'adopra, di fornir l'opra anzi il chiarir dell'alba”.

 

Piazza Giacomo Leopardi con il Palazzo Comunale, Recanati
Piazza Giacomo Leopardi, Recanati

Altro luogo significativo è Piazza Leopardi, la piazza principale della città dedicata al poeta proprio quando i recanatesi decisero di ricordare il poeta nell’anniversario della sua nascita, nel 1898, posizionando la sua statua al centro della piazza ed inaugurando il nuovo ed elegante Palazzo Comunale nel cuore del borgo.

 

A Recanati le poesie decorano anche le strade della città e sicuramente riaffioreranno alla memoria lontani ricordi scolastici. Il borgo che Leopardi ha contribuito a rendere famoso ha origini ben più antiche e nasconde altre innumerevoli storie e curiosità. 

Scrivi commento

Commenti: 0